Genealogia italiana di Stefania Fangarezzi

Genealogista professionista

Piccolo glossario di genealogia

Per questo glossario si ringraziano: Wikipedia, Guida Generale degli Archivi di stato Italiani, Guida degli Archivi Diocesani d'Italia; per le fonti citate.)

Attenzione, il glossario è in aggiornamento e quindi alcune informazioni, in particolare alcuni collegamenti ipertestuali (link) potrebbero non funzionare. Ce ne scusiamo, stiamo provvedendo ad una verifica totale del database, dateci solo un po' di tempo, grazie.

Regolamenti di legge relativi alle deleghe: Delega.

Salta tutto e vai al testo Salta tutto e vai al menù

Censimento

Nell'accezione comune un censimento indica l'acquisizione di informazioni sul numero di abitanti e su diverse caratteristiche della popolazione (come, ad esempio, il numero di persone per nucleo famigliare eventuali beni posseduti da ciascuna di esse.

Il termine “Census” deriva dal latino ha origine, infatti, nell'antica Roma, deriva dal verbo “censere” nel significato di “valutare”, “dare un valore, una valutazione”.

Le prime informazioni riguardo ad indagini sulla popolazione risalgono addirittura al 3800 a.C. dove i Sumeri affrontavano vere e proprie indagini per misurare la quantità di uomini e beni di cui si poteva disporre. Le informazioni acquisite erano utili soprattutto in caso di guerre o di carestie.

Si sa di censimenti compiuti dalle civiltà mesopotamiche, dagli Egizi, dai Greci dai Cinesi e dal popolo ebraico.

Nell'antica Roma i censimenti venivano effettuati già dalla fine del VI secolo a.C e servivano anche per valutare la classe sociale di appartenenza, il ruolo nell'organizzazione militare o politica e ovviamente la quantità di tasse dovute. I censimenti avevano un ruolo cruciale nella amministrazione dell'Impero Romano: si svolgevano ogni cinque anni e formavano un registro dei cittadini e delle loro proprietà, in base al quale erano stabiliti oneri e privilegi. Durante un censimento, ordinato dall'Imperatore Augusto tra il 28 aC ed il 14 aC, nacque Gesù Cristo.

Nel Medio Evo, il più celebre censimento in Europa fu il Domesday Book, indetto nel 1086 da Re Guglielmo I d'Inghilterra, in modo da poter tassare equamente le terre di recente conquista.

In tempi più recenti rilevazioni demografiche più precise e sistematiche si tenevano in città come Venezia, Napoli e Firenze a partire dal XV secolo.

Assimilabile a censimenti, utilizzati a Firenze a fini tributari, sono il Catasto, la Decima Repubblicana e la Decima Granducale.

Aggiornato in data: 25 agosto 2021

Nota inserita da Marco Grazia

Link permanente: permalink.

Torna in alto